Incontro Ateneo-Sanità

Incontro Ateneo-Sanità

Sarà risolta in tempi brevi la questione legata al recupero delle somme anticipate dall’Ateneo a titolo di trattamento integrativo ospedaliero del proprio personale in servizio nelle aziende ospedaliere catanesi e l’Asl 3.

Somme che ammontano a 14 milioni di euro complessivi.Stamattina, nel corso di una conferenza di servizi convocata dal rettore Antonino Recca, nei locali del Palazzo centrale, si è svolto un proficuo confronto sulle soluzioni da adottare per quanto riguarda il rientro dei crediti vantati dall’Università, passati e recenti, per scongiurare una crisi di disponibilità finanziaria dell’Ateneo a fronte del prossimo rientro in regime di tesoreria unica. A prendere parte alla riunione i direttori generali delle aziende “Garibaldi” e “Cannizzaro” Giuseppe Navarria e Giuseppe Giunta, il direttore amministrativo dell’azienda “Vittorio Emanuele” Mario Bonanno, e la dirigente dell’Asl 3 Marianna Catavorello, oltre al direttore amministrativo dell’Università Federico Portoghese e ai dirigenti Armando Conti, Margherita Zappalà e Vincenzo Reina.“Da parte di tutti – ha commentato il rettore – è emerso una forte di volontà di collaborazione per la chiusura di questa vicenda, tenendo in considerazione il momento estremamente difficile che le nostre amministrazioni stanno attraversando dal punto di vista economico. Abbiamo preso atto di quanto le aziende hanno meritoriamente già attuato per restituire in tempi brevissimi una parte delle somme e rimandato ad un’ulteriore verifica congiunta dei conti quelle situazioni ove vi fosse una discordanza sulle cifre, transigendo in ogni caso sugli interessi. E’ stato perciò un incontro operativo fortemente positivo e amichevole, in nome del supremo interesse dei dipendenti e della collettività tutta, che ha ricevuto il sostegno concreto da parte dell’assessore regionale alla Sanità Massimo Russo, rappresentato da due suoi delegati”.I rappresentanti delle aziende intervenute hanno inoltre espresso l’auspicio che, per il futuro, i trasferimenti regionali possano avvenire con maggiore regolarità temporale, per evitare che possano ripresentarsi situazioni debitorie legate a ritardi o disattenzioni. Auspicio che è stato raccolto dalla dirigente dell’assessorato, Duilia Martellucci, e dalla funzionaria dell’ufficio di gabinetto, Elena Pizzo: “Attraverso i provvedimenti collegati al piano di rientro proposto dal governo in materia di spesa sanitaria – ha confermato la dott.ssa Martellucci – l’Assessorato regionale si è impegnato a ridare prontamente liquidità di cassa al sistema sanitario della nostra regione. Apprezzando la volontà dell’università di Catania e delle nostre aziende di sedersi allo stesso tavolo per risolvere fattivamente questi problemi pregressi, ribadiamo la volontà di poter mettere quanto prima il sistema a regime”.

Alfio Russo

 

Related posts

Leave a Comment